Il Giardino delle Donne

Certosa e Museo di San Martino

Il Giardino delle Donne

La regola della clausura imponeva che le donne non potessero entrare nella Certosa. Ad esse era pero’ destinata una chiesa “esterna”, con un giardino adiacente. A conferma di cio’, durante il restauro e’ venuto alla luce, nell’angolo nord-est, un vano di accesso alla sacrestia. Gia’ nel plastico settecentesco del Duca di Noja tale spazio appare parzialmente occupato da corpi aggiunti, in particolare in corrispondenza della scala interna; il rilievo del 1812 restituisce una situazione caratterizzata, relativamente al lato ovest, da un doppio ingresso al cortile, corrispondente alle due arcate ora rese visibili, e dal medesimoambiente addossato al vano scala. Lungo il muro di cinta ad est risultano inoltre ben evidenti sia la nicchia affrescata, oggi restaurata, che il vano di comunicazione con la sacrestia della Chiesa, tuttora tompagnato.

Le trasformazioni avvenute a partire dagli inizi di questo secolo hanno causato il definitivo degrado sia della vegetazione che delle strutture murarie, cui sono state addossate ulteriori superfetazioni in corrispondenza del prospetto ovest e della scala adiacente, resa peraltro illeggibile dalla presenza di tompagnature e dell’antistante arcone di rinforzo a quello gia’ esistente, a sua volta unica traccia superstite dell’aggiunta settecentesca.

La demolizione di tali aggiunte ha reso possibile il recupero dell’originaria configurazione dell’intera facciata, del sottile arco che la collega al muro di cinta, e del prospetto, lievemente arretrato, della scala.

La sistemazione del verde segue l’antica impostazione dei giardini certosini: a integrazione delle piante esistenti (un ciliegio, due peschi, un enorme gelsomino rampicante, un fico, un lauro e un tiglio) sono state aggiunte ortensie bianche e celesti, una siepe di gelsomino lungo il muro della chiesa, siepi di viburno e un altro lauro.

 

continua:  Scala e Giardini

 



condividi, invia, copia link, stampa (Instagram, Youtube e Snapchat non permettono condivisioni da url)

Ultimo aggiornamento

3 Giugno 2021, 15:54